Outdoor 2021

  • Pubblicato in Pagine
  •  

 

imm-outdoor-sito 
 

Uno dei simboli più distintivi della Biennale è la sezione Outdoor, il cuore pulsante della manifestazione con le sculture monumentali in cartone. Le opere sono realizzate durante una residenza in cui gli artisti scelti vengono ospitati per un mese a Lucca, ognuno per realizzare la sua scultura monumentale. Gli artisti ospitati, si ritrovano giornalmente in un laboratorio dove hanno a disposizione il materiale, l'attrezzatura e tutto il supporto di cui hanno bisogno al fine di realizzare la loro visione artistica. Questa occasione permette di confrontare le diverse culture e conoscenze tecniche di ogni artista.
All'inizio della manifestazione le opere sono collocate nelle bellissime piazze di Lucca, diventando una vera e propria meravigliosa attrazione per tutti i visitatori della città.

Il bando della X Edizione di Lucca Biennale prevede come tema "Paura e Desiderio", un dualismo studiato e sviluppato dagli artisti per dar vita a opere uniche. I selezionati per il 2021 sono 6 artisti provenienti da tutto il mondo. Curioso di conoscerli? Scopri chi sono!

 

 

  • Claudio Acuña

     

    Claudio Acuña

    First of all, movement

    Claudio Acuña Jiménez è un Designer, Artista e professore universitario. Le sue opere si distinguono per l'utilizzo della carta e dei suoi derivati come supporto, lo studio e il perfezionamento della tecnica di origami e scultura, in parallelo ha sviluppato le proprie tecniche che lo hanno portato a catturare un particolare timbro nella sua opera, mettendo in evidenza la carta e le sue possibilità. Nel 2010, ha creato il progetto "Paper Factory" come un modo di creare progetti su larga scala negli spazi pubblici, con il tema di rappresentare l'essere umano e la sua vita nella società.

    OPERA: Il lavoro che verrà creato per la Biennale di Lucca è un'installazione di grande formato, che inviterà alla riflessione sul comportamento sociale; ci costringe a prendere una posizione quando prendiamo delle decisioni,e quando queste decisioni si moltiplicano generano movimenti, che definiscono i modi di vita di oggi.

     

    Claudio Acuña

     

  • TOMA!

     

    TOMA!

    The Amazon

    María Dolores del Sol Ontalba & Antonio Nardozzi collaborano nel campo dell'architettura e nell'analisi di geometrie e tecniche complesse di fabbricazione digitale all'interno di TOMA!, laboratorio di ideazione e costruzione in cui la maggior parte del loro lavoro si basa nell'applicazione di concetti sperimentali sul design e sull'architettura a qualsiasi scala. Sulla base delle proprie e diverse esperienze personali, in uno scambio e confronto continuo, cercano di arricchirsi vicendevolmente incoraggiando ulteriori riflessioni comuni. Nel corso degli anni, TOMA! (team of manufacturers architects) gli ha permesso di condividere idee e punti di vista sull'architettura e sulle questioni sociali più urgenti ad essa correlate.

    OPERA: Il lavoro che verrà realizzato per Lucca Biennale rappresenta una grande foresta nella quale scopriamo che gli alberi sono fatti con resti di scatole di cartone. Paura e desiderio convivono insieme in un piccolo bosco artificiale. Quelle scatole che popolano le nostre case e che non vediamo l'ora di aprire, spesso contengono oggetti del desiderio indotti dal consumismo e dalle pubblicità, oggetti superflui protetti da un materiale prezioso come la carta. Nell'attuale scenario di deforestazione e forti cambiamenti climatici, the amazon vuole far riflettere sul sottile filo che lega il desiderio e la paura, il consumo e l'inquinamento, l'utile e l'inutile.

     

    TOMA

     

  • Papier Atelier

     

    Papier Atelier 

    In-between  

    La Papier Atelier è un duo di artisti composto da Türker Akman che ha studiato architettura e Deniz Yılmaz Akman che ha studiato sociologia. Insieme creano sculture di carta e installazioni. 

    OPERA: Pensando al tema "Paura e Desiderio", il racconto delle "1001 Notti" è apparsa nella loro mente. Ed il concetto si concentra sul dilemma di Shahryar, la sua paura di essere tradito e il suo desiderio di ascoltare i racconti senza fine di Scheherazade. Gli artisti hanno quindi deciso di riflettere questa situazione intermedia con una scena che ha come protagonista il funambolo. La paura di cadere e il desiderio di sentire la fine dei racconti spingono Shahryar a camminare attraverso il filo. Gli artisti vogliono far riflettere su due diversi fattori della paura stessa con questa opera. In primo luogo, la postura difficilmente in equilibrio del personaggio riflette la paura di cadere. In secondo luogo, la paura dello spettatore di che passa sotto la scultura di grandezza monumentale.

     

    Papier Atelier

      

  • Sebastian Blomqvist

     

    Sebastian Blomqvist 

    Crossing borders 

    L'artista ha sperimentato cartone e cartapesta come mezzo di scultura per circa otto anni. Ha sviluppato un forte interesse nell'architettura e l'anatomia del corpo umano utilizzando solo cartone

    OPERA: Per la Biennale di Lucca 2021 realizzerà un toro, utilizzando elementi architettonici esistenti nella città di Lucca per enfatizzare la storia che lo ha ispirato: il mito greco di Europa. Europa era una principessa, dello stato che è ora Siria e Libano. Nel mito, Zeus, travestito da toro, porta la principessa attraverso il Mediterraneo, creando così il seme culturale che è diventato la civiltà occidentale. Europa era in un certo senso una rifugiata, che per sfuggire alla rabbia della dea Era, viene trasportata su un toro, unico mezzo che le rende possibile il viaggio. L'artista trova interessante la connessione tra il mito e la situazione attuale dei rifugiati che oggi si trovano ad intraprendere lo stesso percorso della principessa per arrivare in Europa.

     

    Sebastian Blomqvist

     

  • Ankon Mitra

     

    Ankon Mitra

    Clouds of illusion 

    Ankon Mitra è un architetto e artista di fama internazionale. Vincitore dell'All-india Gold Medal for Sculpture nel 2018 e del Lexus Design Award for Craft Design nel 2020, il suo lavoro è stato esposto in India, Italia, Francia, Regno Unito, USA, Giappone e più recentemente alla Shanghai International Paper Art Biennale nel 2019. È finalista all'Arte Laguna di Venezia, relatore Tedx e un maestro nel 'fare connessioni tra le discipline', con Oritecture = Origami + Architettura', Mitra condivide una visione unica di un universo che si forma e si dissolve da atti di piegatura.

    OPERA: L'opera che sarà presentata alla Biennale 2021 rappresenta una nuvola fatta di soldi che fluttua su tutta la nostra esistenza vivente. Non ce ne siamo mai liberati; quasi nulla di ciò che facciamo è risparmiato dal potere e dall'influenza di queste nuvole. È l'olio che muove la civiltà umana. Gli spettatori camminano attraverso una fitta foresta di nuvole fatte di soldi, immersi e persi nell' illusione, non rendendosi conto che il denaro ha preso completamente la loro immaginazione, ed è diventato l'elemento più importante che alimenta la realtà.

     

    Ankon Mitra

     

  • Amber Dohrenwend

     

    Amber Dohrendwend

    Sleep walker 

    Amber Dohrenwend è un'artista statunitense con sede a Tokyo, in Giappone. Costruisce sculture in cartone riciclato, costumi e installazioni con curve e texture morbide e organiche. La sua tecnica trasmette una sensazione di trasparenza e leggerezza attraverso il cartone e il materiale si trasforma inaspettatamente da qualcosa di piatto e senza vita in qualcosa di molto più caldo e più vivo. Vede il cartone come il mezzo perfetto per creare oggetti che possono esistere in un momento, incontrare le persone dove sono, e poi essere ridotti di nuovo a materiale da riciclare.

    OPERA: Per la Biennale ha creato un'opera dal titolo "Sleep walker", che immagina forma e movimento nello spazio che esiste tra gli estremi della paura e del desiderio.

     

    Amber Dohrenwend

     

 

La X Edizione di Lucca Biennale si terrà per la prima volta in un anno dispari dal 1 agosto al 26 settembre 2021.

 Segui la Biennale sui canali social ufficiali:

Facebook
Instagram
Twitter
Pinterest

 

 

 

 

Leggi tutto...

Paese Ospite 21

  • Pubblicato in Pagine
  •  

 banner-focusonjapan

La Biennale già dalla IX edizione ha mostrato la volontà di confrontarsi con altre culture che hanno tradizioni millenarie di utilizzo della carta, per questo nell’edizione 2018 è stata invitata la Cina come paese ospite, e sempre seguendo questa nuova linea di interazione culturale la prossima edizione del 2021 avrà come paese ospite il Giappone.


Il Giappone infatti è secondo solo alla Cina per quanto riguarda la tradizione della carta utilizzata nei e per i più svariati modi.

 

 

Tradizione e innovazione 

Il Washi, la cosiddetta carta giapponese, dal 2014 è entrata di diritto a far parte dei Patrimoni orali e immateriali dell’umanità dell Unesco.  

Questa carta è di uso comune per le arti tradizionali giapponesi come ad esempio Ikebana ovvero l'arte della composizione floreale, o Origami cioè l'arte di piegare la carta, oppure Shodō la famosa l'arte della calligrafia giapponese, fino anche al Sumi-e uno stile pittorico monocromatico appunto effettuato solo su questo tipo di carta giapponese.

 

origami-4074201 1920
        13390111154 7fea0bbf9b b La carta fa parte della tradizione giapponese non solo in ambito artistico ma anche architettonico, in questo contesto è obbligatorio fare una menzione d'onore per l’architetto Shigeru Ban, che ha fatto del cartone e della carta la sua cifra stilistica diventando ad oggi il più famoso ed importante architetto che utilizza questi materiali sia a scopo umanitario (si dedica alle situazioni di disagio e di impellente necessità per costruire strutture e alloggi velocemente) che a strutture museali o grandi complessi come quello realizzato a l'Aquila dopo il terremoto.

 

Per dar voce a questa tradizione anche in Italia saranno presenti alla Biennale figure di rappresentanza giapponesi sia di importanza istituzionale che artistica affinché siano  mostrate le loro abilità e la loro particolare ed unica modalità di creazione con la carta. L’impegno della Biennale è anche quello di creare grazie ad una collaborazione tra un’università italiana ed una giapponese un padiglione dedicato alla loro arte, naturalmente costruito con i materiali cardine dell’evento, così da creare per le opere di artisti giapponesi un focus particolare ed unico.

 

 

 

Leggi tutto...

Lucca Biennale Shop

  • Pubblicato in Pagine
  •  

 

negozio

Ti interessa uno dei prodotti in vendita?

Mandaci una richiesta scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ti ricontatteremo al più presto con maggiori informazioni su costo e spedizione.

 

borsaBorsa IX edizione
cartolineCartoline IX edizione

 

spilletteSpille IX edizione
t-shirtMagliette IX edizione

 

catalogo 2018Catalogo 2018
catalogo 2016-01Catalogo 2016

 

Leggi tutto...

Visita le sculture

  • Pubblicato in Pagine
  •  


visita le sculture

 

L'edizione si è conclusa, ma c'è ancora la possibilità di vedere alcune delle sculture monumentali in cartone, che hanno caratterizzato la mostra Outdoor!

Di seguito una mappa delle sculture visitabili:"Mother" di Laurence Vallières; "Hoodie" di Michael Stutz; "Pyramid of Peace" di Heike Schaefer; "Via dal recinto" di No Dump; "U.E.C. 9000" di Labadanzky; "Silent Shell, Chaotic Shell" di Eu Tazè; "Paperman" di James Lake e "Liminal Space" di Manuela Granziol.

 

mappa

Leggi tutto...

Edizione 2014

  • Pubblicato in Pagine
  •  

CARTASIA
Biennale d'arte contemporanea – VII EDIZIONE
28 giugno / 2 agosto 2014

Il tema scelto per questa edizione è: Identità Liquide. Un accostamento di due parole che suona strano, ma rappresenta lo specchio della società contemporanea e degli individui che ne fanno parte. Siamo bombardati ogni giorno da informazioni che influenzano il nostro modo di pensare, di vivere e, su una scala globale, comportano delle conseguenze politiche, economiche non indifferenti. Viviamo in un secolo in cui la nostra identità è minata da un costante senso di insoddisfazione personale e incopresione di sé stessi e della realtà a noi circostanti. Ci sentiamo piccoli in un mondo grande e in perenne corsa verso lo sviluppo e il successo.

 

Leggi tutto...

Edizione 2018

  • Pubblicato in Pagine
  •  


edizione 2018

 

La IX edizione di Lucca Biennale si è svolta dal 4 agosto al 27 settembre. Il tema di questa edizione è stata “Caos e Silenzio”: caos inteso come clima di eccesso di stimoli e sovra-informazione, ma anche come creatività; e silenzio inteso come pace e chiarezza in risposta allo sviluppo caotico, ma anche come isolamento e disconnessione.

È stata l'edizione più grande della Biennale, sia per la numerosa partecipazione di artisti e visitatori, che per la gamma di eventi, opere e progetti presentati. L'edizione del 2018 ha visto la presenza di 59 opere grazie a 47 artisti presenti alle mostre Indoor (Palazzo Ducale e Mercato del Carmine), 7 sculture monumentali in altrettante piazze in occasione della mostra Outdoor, e oltre 5 mila visitatori.

La sezione Design & Architettura ha visto la realizzazione di un progetto di tende in cartone ideate da Nicolas Bertoux, e nel campo dell'architettura la costruzione di una struttura in cartone visitabile e percorribile, progettata e realizzata dal dipartimento di architettura della Tongji University.

Nel corso della Biennale, è stato dato per la prima volta spazio alle Performance: Martina Zena ha presentato “Play Human”, e Gianfranco Gentile ha portato “No People Boat” alla Biennale, entrambi con protagonisti la carta.

Ad arricchire il programma vi sono stati anche i Network Days: un'occasione di conferenze ed eventi di networking, che nel corso di due giorni hanno portato incontro e scambio tra artisti e professionisti del settore. Per i più piccoli, Lucca Biennale ha ideato una ricca offerta di laboratori creativi: gli Educational Lab, ideati per guidare i bambini alla scoperta dell'arte in carta attraverso workshop ispirati alle opere esposte.

In occasione della IX edizione, per la prima volta Lucca Biennale ha avuto un paese ospite, diventando luogo di cooperazione internazionale e creando uno spazio dedicato alla Cina, luogo di nascita della carta, scelta per inaugurare un focus che ruota intorno alla produzione della Paper Art in un determinato paese e la realizzazione di un suo progetto specifico.

Clicca sulle icone sottostanti per una visione più approfondita di ciascuna sezione.

 

outdoor

OUTDOOR

indoor

INDOOR

architettura

ARCHITETTURA & DESIGN

performance

PERFORMANCE

talk

NETWORK DAYS

edulab

EDUCATIONAL LAB

Leggi tutto...

Il Festival

  • Pubblicato in Pagine
  •  


banner sito 2020-01

Lucca Biennale è tra le più importanti manifestazioni dedicate alla carta in quanto strumento di arte, design, architettura e creatività. La Biennale nasce nella città di Lucca, il primo distretto cartario in Europa.

Caratteristica di ogni edizione è il tema che guida tutti gli eventi e tutte le mostre di ogni singola edizione. Esso è qualcosa su cui riflettere e col quale gli artisti creano un legame tra arte e società. La Biennale bandisce un concorso internazionale aperto a tutti: artisti, designer e architetti.

Lucca Biennale è mostre d’arte,  progetti di sviluppo,  eventi,  conferenze e laboratori. Le figure più innovative e prominenti della Paper Art animano la Biennale, mostrando le proprie opere in occasione delle mostre Outdoor (all’aperto), Indoor (al chiuso), o nelle sezioni di Design & Architettura e Performance.

 

Oltre alle mostre artistiche, Lucca Biennale è anche luogo di confronto e crescita tramite:

i NE.D.  -  Network Days: conferenze ed eventi di networking che permettono lo scambio tra artisti e professionisti del settore,

e gli Educational Lab: laboratori creativi ideati per guidare i bambini alla scoperta dell'arte in carta attraverso workshop ispirati alle opere esposte.

Lucca Biennale ad ogni edizione presenta un paese ospite, con lo scopo di valorizzare il contributo dato nel mondo della Paper Art dal punto di vista della tradizione e dell'innovazione.

VISITA ADESSO!

L'edizione si è conclusa, ma c'è ancora la possibilità di vedere alcune delle sculture monumentali in cartone, che hanno caratterizzato la mostra Outdoor. Scopri le mostre: 8 opere monumentali in cartone si nascondono sotto alle mura di Lucca. Clicca qui per scoprire la mappa e visitarle tutte!

 

outdoor

Sculture monumentali in cartone, realizzate durante una residenza d'artista in seguito a un bando aperto a livello internazionale. Gli artisti Outdoor sono ospitati per un mese nella città di Lucca, con completa fornitura di materiale, attrezzatura e assistenza. Le opere monumentali vengono poi installate all'aperto in luoghi chiave del centro storico di Lucca. 

 

indoor

Le opere d'arte in carta più attuali del panorama della Paper Art, riunite in una o più mostre nel centro storico di Lucca. Le opere sono selezionate per la loro tecnica innovativa e l'attinenza al tema dell'edizione, scelte in seguito a un bando aperto a livello internazionale.

 

architettura

Le potenzialità della carta viene esplorata tramite progetti di architettura e design. I progetti realizzati sono scelti in seguito a un bando aperto a livello internazionale.

 

performance

Lucca Biennale diventa palcoscenico per performance contemporanee che coinvolgono la carta. I progetti realizzati sono scelti in seguito a un bando aperto a livello internazionale.

 

network

Occasione di conferenze ed eventi di networking, nel corso di più giorni. I Network Days portano incontro e scambio tra artisti e professionisti del settore.



 

edu.lab

Per i più piccoli, Lucca Biennale ha ideato una ricca offerta di laboratori creativi: gli Educational Lab, ideati per guidare i bambini alla scoperta dell'arte in carta attraverso workshop ispirati alle opere esposte.


 

paese.ospite

Ad ogni edizione, Lucca Biennale ospita un paese, rendendola luogo di cooperazione e valorizzazione culturale. Il paese ospite riceve uno spazio dedicato e la possibilità di realizzare un progetto specifico.

 

Leggi tutto...

Premi

funder modulo

Newsletter Biennale

Consigliato su

consigliatovisititaly

Store

Newsletter

Info

Associazione Culturale Metropolis
Viale Giovanni Pacini, 75 - 55100 Lucca - Italy
T:+39 0583 928354

Per sostenere il progetto scrivi a

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Privacy & Cookies

Top of Page